Benzocaina e preservativi ritardanti: davvero funzionano?

Benzocaina e preservativi ritardanti: davvero funzionano?

I preservativi ritardanti riscuotono un enorme successo: grazie alla benzocaina, una sostanza miracolosa

La benzocaina è una sostanza che solitamente viene utilizzata in ambito odontalgico e stomatologico  e che, combinata ad altri anestetizzanti, può sortire un effetto ritardante. Essa si presenta con una colorazione bianca e, priva di odore, la si adopera per creare unguenti adatti a lenire dolori ed infiammazioni dell'epidermide. Tuttavia essendo una sostanza anestetizzante, è stata studiata e testata per essere introdotta nei profilattici ritardanti allo scopo di favorire il prolungamento dell'erezione e combattere l'eiaculazione precoce.

I prodotti con benzocaina adatti a questo fine sono assolutamente affidabili perché la quantità,inserita nei condom, è aggiunta in modo giusto e serve ad 'addormentare' il pene quel tanto che basta per permettere un rapporto duraturo.

Gli utilizzatori di questi profilattici hanno trovato la corretta risoluzione al loro problema anche se temporaneamente: infatti, la benzocaina è una sostanza che agisce all'istante e termina il suo compito una volta sfilato il preservativo.

Come sarà facile comprendere, grazie alla benzocaina molte coppie sono riuscite a trovare un importante feeling dal punto di vista sessuale. I profilattici a base di benzocaina sono particolarmente adatti a tutti coloro che non soffrono di eiaculazione precoce ma che desiderano comunque prolungare il rapporto per assaporare sensazioni ancora più intense e durature.

I profilattici con benzocaina sono quelli più venduti in tutto il mondo perché, studi attendibili dimostrano che, altissima è la percentuale di uomini che faticano a raggiungere l’orgasmo entro i giusti tempi.


Condom di sicurezza testata

I preservativi ritardanti non sarebbero stati messi in commercio se non fosse stata accertata la loro sicurezza. La benzocaina, se usata con ponderazione, non arreca nessun rischio.

Ma cerchiamo di capire come la benzociana agisca e secondo quali tempi:

Una volta indossato il preservativo, la sostanza agisce sulla punta del pene rendendolo leggermente insensibile allo strofinamento contro le pareti vaginali. Prima di essere immessi sul mercato, i preservativi  a base di benzocaina sono stati sottoposti a ferrei test che hanno dato il via libera alla vendita.

I condom ritardanti sono l'ideale per l'eiaculazione precoce dovuta a sovreccitazione e alla ipersensibilità e, come menzionato precedentemente, assolvono al loro dovere solo temporaneamente e non sono validi per curare problematiche patologiche.

Naturalmente, è consigliabile indossare il preservativo ritardante nel momento in cui si desidera avere la penetrazione finale con la partner perché nel momento in cui viene messo il condom e la benzocaina comincia a rilasciare i suoi effetti, il pene potrebbe perdere la sua erezione.


Preservativi ritardanti e stimolanti a base di benzocaina

I profilattici trattati con benzocaina non peccano in nessuna caratteristica e sono identici ai loro 'fratelli': infatti possono essere scelti nella versione sottile e in quella stimolante.

L'obiettivo principale di questi condom è quello di ritardare l'eiaculazione ma gli esperti sono stati molto attenti anche alla stimolazione per la donna e per questo hanno ideato dei preservativi ritardanti provvisti di piccole venature che, durante la penetrazione, sollecitano le pareti vaginali e apportano un piacere inconfondibile alla partner.

Il loro scopo quindi, è di desensibilizzare la punta del pene, agendo sulle mucose di quest'ultimo, proteggendo la partner da malattie sessuali da trasmissione e da gravidanze indesiderate.


Benzocaina: un metodo valido per affrontare il problema

Il preservativo ritardante è un metodo validissimo per chi vuole affrontare un disturbo così diffuso a livello mondiale però è pur sempre un palliativo e se si vuole tentare di risolvere definitivamente il problema, occorre rivolgersi ad un sessuologo o ad un andrologo.

Ci sono, infatti, mezzi più o meno conclamati come i rimedi naturali o metodiche annoverate tra quelle della medicina alternativa, come l'agopuntura o la floriterapia che potrebbero correggere il problema.

Il preservativo ritardante, benché valido e apprezzato da molti uomini, è un espediente temporaneo che non risolve il disturbo alla fonte ed è fondamentale ascoltare il parere di uno specialista competente che possa eliminare il fastidioso problema dell'eiaculazione precoce.